LA CULTURA POLINESIANA

Ospitalità
Fa parte del dna dei tahitiani, orgogliosi delle loro isole e desiderosi di condividerne la bellezza con i visitatori . Chi desidera conoscere la vera Tahiti dovrebbe prendersi il tempo necessario per chiacchierare con la gente del posto e conoscerne cultura e stile di vita, per arricchire ulteriormente l’esperienza su questo splendido paradiso. La musica e la danza raccontano la storia del popolo di Tahiti. Ballerini in splendidi costumi mostrano la bellezza, la forza e la grazia in danze tradizionali che sono state tramandate per generazioni.

Musica e danza
In tutte le isole si possono ancora sentire le musiche tradizionali polinesiane, suonate solitamente come accompagnamento a una danza. I principali strumenti sono l’ukelele e le percussioni, che creano un ritmo ipnotico e talvolta molto complesso. Il canto, profano o religioso, è un altro elemento popolare e importante. Gli imene (inni) della domenica offrono armonie davvero magnifiche. La danza tahitiana è un’attività di forte valenza culturale e simbolica e costituisce una delle espressioni più vivaci della cultura maohi (polinesiana). Inoltre, in questo paese di tradizione orale, la danza non è unicamente un fatto estetico, ma un modo di contribuire a preservare la memoria. Gli alberghi di lusso presentano almeno due volte la settimana spettacoli di danza di alto livello. Gli spettacoli sono accompagnati da un buffet (circa 7000 CPF), aperto a tutti. Hanno la durata di circa 45 minuti e comprendono varie sequenze di otea e aparima e, a volte, una danza del fuoco. Tamure significa “danza” in tahitiano ed è un insieme di insuperabile energia e passione. Dai movimenti lenti e aggraziati alle veloci danze ritmiche, questa dimostrazione di cultura nativa è un must per i visitatori. Anche molti anni dopo la visita, i viaggiatori ritengono che il semplice suono della musica di Tahiti sia in grado di evocare potenti ricordi.

Cucina locale
In Polinesia gli amanti della buona tavola potranno sicuramente essere soddisfatti. Si può iniziare bene la giornata con un ottimo croissant e caffé, proseguire a pranzo con un’insalata di tonno alla griglia e terminare alla grande con una cena tradizionale di poisson cru (pesce crudo) marinato nel succo di limone e latte di cocco, mahi mahi appena pescato e frutta fresca per dessert. I prodotti sono sempre freschi e la cucina locale abbina in modo eccellente influssi polinesiani, francesi e cinesi. Questi ultimi hanno portato il loro tocco con le loro spezie trasformando i piatti con associazioni inedite. Pesce pappagallo, ahi, mahi-mahi e altro pesce fresco risultano divini se abbinati a una salsa leggera a base di baccelli di vaniglia e latte di cocco. Il pesce in tutte le cotture (alla griglia, bollito, crudo) e di tutti i tipi (tonno, bonita, mahi mahi, decine di pesci di laguna…) è, ovviamente, al centro dei piatti polinesiani, anche se il consumo di carni è ugualmente apprezzato grazie alla quantità delle importazioni dalla Nuova Zelanda. Anche la cucina cinese è molto popolare soprattutto il “ma’a tinito” (maiale con fagioli rossi, pota (tipo di verza) e maccheroni). Le riunioni di famiglia e le feste danno luogo a dei grandi “tamara’a Tahiti” (banchetti tahitiani) dove i cibi (maialino da latte, pesci, frutti dell’albero del pane, ignami, banane fei…) cotti in forni scavati nella terra riposano su delle pietre incandescenti e sono avvolti nelle foglie di banano. I grandi alberghi organizzano serate con dei grandi buffet che offrono un vasto panorama delle specialità culinarie locali, sovente con la presenza di spettacoli di danze.

Bungalow sull’acqua
Inventati sulle Isole di Tahiti 45 anni fa, rappresentano ora l’emblema del paradiso. Per i viaggiatori in cerca del perfetto rifugio nel Pacifico Meridionale, soggiornare in un bungalow sull’acqua è un’esperienza imperdibile. Con un accesso diretto da una terrazza privata nelle lagune di Tahiti, un balcone, un tetto di paglia e tutti i comfort e i servizi di una camera d’albergo di prima categoria, il bungalow sull’acqua è il simbolo per eccellenza della privacy. Il bungalow sull’acqua è stato concepito e costruito nella laguna di Raiatea nel 1967 da tre proprietari americani conosciuti come “The Bali Hai Boys”. Prendendo spunto dalle tradizionali capanne di paglia polinesiane, le hanno trasferite su palafitte di cemento sul bordo dell’acqua. Poco dopo, l’Hotel Bora Bora è stato il primo resort di lusso sull’isola di Bora Bora a costruire bungalow sull’acqua. Oggi, la maggior parte dei villaggi sulle isole più visitate di Tahiti dispone di bungalow di lusso, suite e ville situate su lagune tranquille e affascinanti.
Perle tahitiane di coltura
Rappresentano il più grande prodotto da esportazione di Tahiti e si trovano solo nella Polinesia Francese. I visitatori possono esplorare le aziende agricole della perla nera negli atolli di Tuamotu Manihi, Rangiroa e sulle isole di Raiatea, Taha’a e Huahine, e possono osservare l’innesto delle ostriche dalle labbra nere che creano queste perle esotiche e pregiate. Prima di acquistarle, è consigliabile una sosta al Tahiti Black Pearl Museum di Papeete per imparare a giudicare il valore in base a dimensioni, colore, lucentezza e forma.
Nutrimento degli squali
È un’attività molto comune e indimenticabile per i visitatori, che ammirano con attenzione una guida esperta che nutre a mano i docili squali di barriera. La guida tiene una corda a cui aggrapparsi e i partecipanti, muniti di maschera e boccaglio, osservano queste magnifiche creature nutrirsi. Rangiroa, nota anche come “la laguna infinita”, ospita uno dei più grandi siti di immersioni con gli squali. Al passo di Tiputa, centinaia di queste creature creano letteralmente un muro di squali. I visitatori sono spesso incuriositi dagli squali di Tahiti, che non sono aggressivi. I subacquei che nuotano tra una grande varietà di specie si stupiscono nel vedere che possono avvicinarsi così tanto senza alcun pericolo.

Roulottes o “camionette alimentari “
Si riuniscono ogni sera al molo di Papeete, dove i visitatori affamati possono assaggiare le specialità locali. Questi piatti incredibilmente deliziosi, che comprendono il maiale saltato, al curry o arrosto, pizza e crêpes, sono acquistabili a prezzi stracciati in un’atmosfera folcloristica di totale divertimento.

Hawaiki Nui Va’ a
Potrebbe essere meglio descritto come il Super Bowl della canoa polinesiana. È il più grande evento internazionale al mondo dedicato a questo sport e rappresenta la massima prova di forza e resistenza per uomini e donne. Equipaggi di sei persone gareggiano per circa 115 km dall’isola di Huahine a Raiatea e successivamente a Taha’a e Bora Bora. Un’entourage di fan accaniti seguono la gara con canoe e barche, dando vita a una colorata regata per un’intera settimana a metà ottobre.

Eventi sportivi tahitiani
Nello spirito dei loro antenati, comprendono il sollevamento della pietra, il trasporto della frutta, estenuanti gare di canoa tra le isole e il lancio del giavellotto, che vede i concorrenti impegnati nel mirare a una noce di cocco a una distanza di 60 metri. I visitatori possono vedere questi eventi durante le sette settimane di lunga celebrazione Heiva I Tahiti nel mese di giugno e luglio.

Navigazione celeste
È legata agli antichi polinesiani che si insediarono nelle isole del Sud Pacifico. Questi primi coloni erano abili nell’utilizzare stelle, onde, correnti, voli di uccelli, sole e vento per orientarsi. Una visita al Museo delle Isole di Tahiti è una buona occasione per esplorare questo incredibile pezzo di storia.

Tatoo
È una delle poche parole polinesiane utilizzate nella lingua inglese. L’antica usanza del tatuaggio risale all’epoca delle guerre tra tribù vicine. Pieni di simbolismo, spesso realizzati senza anestesia con strumenti tradizionali, i tatuaggi rimangono una parte importante della tradizione culturale tahitiana.

Tiare Apetahi
Un fiore raro che può essere trovato in un unico luogo in tutto il mondo, sulle vette di una montagna presente sull’isola sacra di Raiatea. I botanici hanno tentato invano di farla crescere altrove. Una splendida leggenda locale è legata a questo fiore apprezzato da tutti i tahitiani: i delicati petali del Tiare Apetahi rappresentano le cinque dita di una bella ragazza di Tahiti che si innamorò del figlio di un re e morì di crepacuore perché non avrebbe mai potuto sposarlo. I petali socchiusi di notte si aprono all’alba con un crepitio leggero che evoca il suono del cuore che si spezza. Raggiungere la vetta della montagna è possibile con un’escursione di un paio d’ore.

Marae
Templi religiosi di pietra, si trovano in tutte le isole di Tahiti. Questi siti fungevano da luoghi sacri e importanti centri di raccolta politico-sociale nell’antica Polinesia. Gli esperti stanno scoprendo sempre di più sui primi polinesiani restaurando questi templi.

Parei
Sono quasi ovunque, questi colorati pezzi di tessuto vengono indossati per coprirsi, come abito, pantaloncini, scialle o possono essere utilizzati come tovaglia da picnic o telo mare. Creati con disegni tradizionali e vivaci colori tropicali, i parei sono poco costosi e rappresentano il souvenir perfetto. I visitatori possono trovarli in tutte le isole, ma Le Marché, il mercato presente nel centro di Papeete, ne offre la più grande selezione. Molti sono dipinti a mano da artisti locali. Uomini e donne considerano il pareo come l’abito dell’isola per eccellenza.

Spa e benessere
Cure tradizionali polinesiane del corpo, del viso, dei capelli, manicure, peeling e bagni a base di prodotti locai (noce di cocco, caffè, avocado, polpa di frutta). Sono tutti segreti di bellezza che procurano alla pelle liscia, purificata ed appagata, nuova freschezza e voluttà.
In base alla formula prescelta, un massaggio rilassante agli oli essenziali oppure un bagno fatto con le pietre calde esalterà ancor di più l’armonia e la serenità create dall’ambiente e dalla meravigliosa cornice di questi luoghi di relax e di intimità. Per chi vuole assaporare tutto il romanticismo di un viaggio da innamorati, le terme di Tahiti e delle sue isole offrono un’oasi di pace senza eguali.

Olio Monoi
Da sempre, il monoi, è il simbolo della bellezza delle vahine (le donne di Tahiti) che lo utilizzano per la cura quotidiana del corpo e dei capelli, è ottenuto macerando i fiori, raccolti la sera, nell’olio di cocco per almeno due o tre settimane.

La perla nera tahitiana
Grazie alla loro fama internazionale, le perle di Tahiti sono molto ricercate e vengono utilizzate sia nella moda che nella gioielleria. Dalle classiche collane ad altri tipi di gioielli, la perla di Tahiti è una gemma incomparabile.

La vaniglia tahitiana

A differenza di altre varietà, la vaniglia tahitiana contiene una grande quantità di composti dall’aroma di anice che la rendono caratteristica, è la combinazione di questi elementi che dà vita al tipico bouquet che ha reso così famosa la vaniglia di Tahiti. La vaniglia di Tahiti è considerata una “vaniglia di lusso”, utilizzata per la produzione di diversi prodotti di profumeria, gastronomia e della pasticceria

Manureva - Social Bookmark - Share us!
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail
MANUREVA - Via Monte Grappa, 2 - 00018 Palombara Sabina (RM) - Tel: 0774 634264 - Cell: 333 11 17 719 - E-mail: polinesia@manureva.it